La città di Tegma
audio-visual live performance

Lavone (Brescia) - workshop with Otolab


anno: 2007


programmazione e live interaction: luxi lu
suoni: luxi lu


////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////


Mohenjo-Daro
exhibition//mostra

anno/esposizione: 2008
opera: luxi lu ed emilio corti
musica e suoni: jason stringer e infrason
sound design: marco molteni


Luisa Mizzoni alias luxi lu and Emilio Corti cooperate for the first time in the realization of an ambient installation, Mohenjo-Daro. The title of the work comes from one of the main cities of the Indo civilization, dating back to 3300 b.C. and characterized by constructions conceived according to strict architectonical rules.
Mohenjo-Daro was destroyed several times by the Indo river floodings, and stubbonly rebuilt upon its own ruins, with an unceasing geometrical will, as in the expectation to impose rules to nature’s blind forces. The exhibition space is de-materialized by video projections: Inert bodies float in a light blue atmosphere, in a slown down time and space, where death, intended as abandon of phisical body, suggests archetipal reflections on the sense of life. The images reflect upon the water that floods the room, setting the viewer at the center of an abyss, a synthesis of sky and water, that spreads above and below him. The sound ambient amplifies the eco and the oscillation of the figures in their watery oblivion, suggesting a tie between our present and the ancient Indian civilization.


Luisa Mizzoni alias luxi lu ed Emilio Corti collaborano per la prima volta alla realizzazione di un’installazione ambientale, Mohenjo-Daro. Il titolo dell’opera proviene da una delle principali città della civiltà della Valle dell'Indo, risalente al 3300–1300 a.C. e caratterizzata da costruzioni concepite secondo rigorosi canoni architettonici. Mohenjo-Daro è stata più volte distrutta a causa dello straripamento dell’Indo e caparbiamente ricostruita sulle proprie macerie, con incessante volontà geometrizzante, quasi nell’aspettativa di imporre delle regole alla forza cieca della natura. Nell’intero spazio espositivo l’ambiente è evocato attraverso video che proiettano immagini fluttuanti. Corpi inerti galleggiano in un’atmosfera celeste in un tempo ed uno spazio rallentati, dove la morte, intesa come abbandono del corpo fisico, assurge a momento di riflessione intuitiva ed archetipica sull’esistenza. Le figure si riflettono sull'acqua che ha invaso il suolo, collocando lo spettatore al centro di un abisso, sintesi di cielo e acqua, che si stende sopra e sotto di lui.

Testo di Elisa Gusella

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

grazie allo spazio espositivo "mon-ego" di como che ci ha permesso di allagare l'intera sala

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

VIDEO "MOHENJO-DARO" click here

La città di Tegma
audio-visual live performance

Lavone (Brescia) - workshop with Otolab


anno: 2007


programmazione e live interaction: luxi lu
suoni: luxi lu


////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////


Mohenjo-Daro
exhibition//mostra

anno/esposizione: 2008
opera: luxi lu ed emilio corti
musica e suoni: jason stringer e infrason
sound design: marco molteni


Luisa Mizzoni alias luxi lu and Emilio Corti cooperate for the first time in the realization of an ambient installation, Mohenjo-Daro. The title of the work comes from one of the main cities of the Indo civilization, dating back to 3300 b.C. and characterized by constructions conceived according to strict architectonical rules.
Mohenjo-Daro was destroyed several times by the Indo river floodings, and stubbonly rebuilt upon its own ruins, with an unceasing geometrical will, as in the expectation to impose rules to nature’s blind forces. The exhibition space is de-materialized by video projections: Inert bodies float in a light blue atmosphere, in a slown down time and space, where death, intended as abandon of phisical body, suggests archetipal reflections on the sense of life. The images reflect upon the water that floods the room, setting the viewer at the center of an abyss, a synthesis of sky and water, that spreads above and below him. The sound ambient amplifies the eco and the oscillation of the figures in their watery oblivion, suggesting a tie between our present and the ancient Indian civilization.


Luisa Mizzoni alias luxi lu ed Emilio Corti collaborano per la prima volta alla realizzazione di un’installazione ambientale, Mohenjo-Daro. Il titolo dell’opera proviene da una delle principali città della civiltà della Valle dell'Indo, risalente al 3300–1300 a.C. e caratterizzata da costruzioni concepite secondo rigorosi canoni architettonici. Mohenjo-Daro è stata più volte distrutta a causa dello straripamento dell’Indo e caparbiamente ricostruita sulle proprie macerie, con incessante volontà geometrizzante, quasi nell’aspettativa di imporre delle regole alla forza cieca della natura. Nell’intero spazio espositivo l’ambiente è evocato attraverso video che proiettano immagini fluttuanti. Corpi inerti galleggiano in un’atmosfera celeste in un tempo ed uno spazio rallentati, dove la morte, intesa come abbandono del corpo fisico, assurge a momento di riflessione intuitiva ed archetipica sull’esistenza. Le figure si riflettono sull'acqua che ha invaso il suolo, collocando lo spettatore al centro di un abisso, sintesi di cielo e acqua, che si stende sopra e sotto di lui.

Testo di Elisa Gusella

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

grazie allo spazio espositivo "mon-ego" di como che ci ha permesso di allagare l'intera sala

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

VIDEO "MOHENJO-DARO" click here